La compagnia

Spettacoli

Formazione

Calendario

Immagini

Testi

Artisti associati

Residenze

News

 
 

Studio di un interno

di e con
MICHELE ABBONDANZA E ANTONELLA BERTONI

musica
W.A.MOZART - T. WAITS

produzione
COMPAGNIA ABBONDANZA/BERTONI


ATTUALMENTE NON IN CIRCUITAZIONE

 

durata: 25’ - anno di creazione 1996

 

Chiusi in una stanza dalle mura invisibili e dure, luogo dell’anima e
dell’abitudine. Attraverso il buco della serratura filtrano profumi decadenti e
colori in bianco e nero di una segregazione voluta e di una relazione estrema e
pericolosa.

Soli, ma così in due da sembrare uno, legati come fratelli siamesi: con il
passato incollato al cuore e la musica di Mozart insinuante sotto pelle.

Patetici nel loro cercarsi sotto il peso di autentici sintetici dolori.

L’obbligo di vivere, il dovere senza scampo di amare.

Architetti del corpo o carnefici dello spazio, belle addormentate o belve in
agguato, giocano al dramma dell’abitudine quando l’opportunità di esistere
diventa normalità, e la vita reale più sognante e incomprensibile del sogno.

Michele Abbondanza

 

Il lavoro nasce da uno studio sul pittore Wainer Vaccari, in particolare dal suo quadro Per terra. Studiato per essere eseguito in uno spazio ristretto (m. 4x4), ha mantenuto questa sua caratteristica di "danza da camera".

Studio di un interno è stato anche il primo nucleo di lavoro per Mozart Hotel

1996. Squadro Stamperia – Bologna; Carambolage – Bolzano

1997. Galleria d’Arte Goethe – Bolzano; Interzona – Verona