La compagnia

Spettacoli

Formazione

Calendario

Immagini

Testi

Artisti associati

Residenze

News

 
 

Polis

HO MALE ALL'ALTRO – III PARTE

durata 80’ - anno di creazione 2005

di
MICHELE ABBONDANZA e ANTONELLA BERTONI

con
MATTEO REZA AZCHIRVANI, ELEONORA CHIOCCHINI, DIEGO INVERNIZZI, LORENZO LUTTERI, CHIARA MICHELINI, TOMMASO MONZA, ANTONELLA BERTONI, MICHELE ABBONDANZA

musiche da
ALBINONI, CHOPIN, VERDI

elaborazioni musicali
MAURO CASAPPA

scene e luci
LUCIO DIANA

testi da
MICHELSTAEDTER

costumi realizzati in collaborazione con
RIZZI SARTORIA

direzione tecnica
ANDREA GENTILI

organizzazione  e ufficio stampa
DALIA MACII e FRANCESCA LEONELLI

produzione
COMPAGNIA ABBONDANZA/BERTONI

coproduzione
FESTIVAL ORIENTE OCCIDENTE

con il sostegno di
MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI – DIP. SPETTACOLO
PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO - ASSESSORATO ALLA CULTURA
COMUNE DI ROVERETO - ASSESSORATO ALLA CULTURA
CASSA RURALE DI FOLGARIA - FILIALE DI ROVERETO

 

Continuiamo ad essere circondati dal tragico molto più di quando, nel 2000, iniziammo la Trilogia "Ho male all'altro" intorno al tema del sacrificio per amore.

Attraverso spunti di ispirazione mitologica sono nate le prime due parti seguendo una concezione di espansione anche numerica dell’agnello sacrificale. C’è una vittima nell’immolarsi di Alcesti, due nel sacrificio del bene più grande, i figli, in Medea. La coppia diventata famiglia, assume ora l’impatto iconografico di un popolo. Fantasmagoria sacrificale di apparizioni e scomparse, sull’idea che se prima c’era qualcuno, un attimo dopo non c’è più nessuno. Opera corporale di figure gesticolanti e pose. Parola che diventa scrittura vocale. Nella sequenza delle immagini potrà essere riconoscibile di volta in volta un mito, motore dell’azione ma non necessariamente protagonista. Il conseguente ed eventuale contenuto tragico più che venire rappresentato, sarà pretesto per la definizione di forme tragiche in un intento né decorativo né illustrativo.

Ogni personaggio porterà diverse umanità attraverso la sua maschera fisica ed acustica in un processo drammatico di pressione sulla forma verso l’informe, verso una nuova potenziale bellezza.

 

ESTRATTI RASSEGNA STAMPA POLIS

Straordinario spettacolo, che gli stessi autori definiscono “opera corporale di figure gesticolanti e pose”, di grande impianto tragico, in cui ad essere vivisezionata, assieme alla vocazione sociale dell’uomo, è stata la danza stessa, retta dall’eroica bravura della Compagnia Abbondanza/Bertoni […].
Anna Maria Eccli, “Trentino”, 4 settembre 2005


[…] gli squarci di danza libera assicurano attimi di indefinibile bellezza con Antonella Bertoni, quasi discinta, i lunghi capelli al vento, nell’accorato assolo finale sul Dies Irae dal Requiem di Verdi, con l’esile e fascinosissima Bianca Francioni che s’immola a petto nudo (o viene immolata dalla perversione maschile) al termine di un passo a due d’amore.

Marinella Guatterini, “Il Sole 24 Ore”, 4 settembre 2005

Polis rappresenta l'umanità impaurita, vile, meravigliosa, coraggiosa. Come un gregge silenzioso che inizia a muoversi quando non è ancora giorno. E aspetta la luce per alzare la testa e la voce.

Miriam D’Ambrosio

Un branco di figure nere anima in Polis di Abbondanza-Bertoni una classe beckettiana alla deriva metafisica fuori e dentro un cubo,suggellando con gesti lobotomizzati i due capitoli mitici ed emotivi del progetto Ho male all'altro. Michele Abbondanza è un Kantor con epigrammi foschi, la seminuda Antonella Bertoni ha un a solo che è il clou poetico e Bianca Francioni è un'allettante vittima.
 
Rodolfo di Giammarco, “La Repubblica”, 5 dicembre 2005

[...] un’iconografia ricca ed eclettica, relativa alle varie idee pittoriche e letterarie, la disperata ricerca di queste figure-automi di un’articolazione gestuale e sonora si trasforma nelle inquadrature del caos di un impatto sconvolgente. [...]
Lo testimoniano anche i luoghi e davvero entusiastici applausi finali di un pubblico oseremmo dire spiazzato da un tanto profondo quanto avvolgente senso di tragicità  [...].

Dejan Bozovic, “ In Gazzettino”, 18 giugno 2008

La Compagnia Abbondanza/Bertoni perfora l’acme intollerabile del ghiaccio umano verso gli esclusi con l’ardore rovente della pietas totale

di Leonardo Filaseta

2005. Festival Oriente Occidente - Teatro alla Cartiera - Rovereto (prima assoluta - 2 settembre); VIE Scena Contemporanea Festival - Teatro Storchi - Modena; CRT- Centro di Ricerca per il Teatro - Milano; Teatro Bonci - Cesena.

2006. Teatro Verdi - Pisa; Rassegna Fuori Contesto 2006...out limits zone - Teatro del  Parco  Mestre (VE); Interplay-Danza di parole - Teatro Astra - Torino; Inventari Superiori - Castello - Desenzano del Garda (BS); Rassegna Il Grande Fiume - Reggia - Colorno  (PR); Rassegna InDanza - Teatro Sociale - Trento.

2007. Castello Pasquini - Castiglioncello (LI); Teatro Comunale - Teramo; Sito ASrcheologico di Egnatia - Fasano (BR); Teatro Politeama - Catanzaro; Teatro dell'Università - Cosenza.

2008. Teatro Comunale - Casalpusterlengo (LO);