La compagnia

Spettacoli

Formazione

Calendario

Immagini

Testi

Artisti associati

Residenze

News

Artbonus





 
 

Mary's bath

coreografia e danza Claudia Rossi Valli e Tommaso Monza

assistente Marco Bissoli

disegno luci Andrea Gentili

voce Fabio Pagano

produzione Natiscalzi DT, Compagnia Abbondanza Bertoni

con il sostegno di Leim project

 

durata 55 min.

 

Link:

https://www.natiscalzidt.it/ita/creazioni/mary-s-bath/

 

Immergersi, sposarsi; Credere, toccare. Pregare, accettare. Nascere

Mary's Bath è una performance sospesa, un'installazione d'acqua e riflessi, una danza intima che si svela.
Mary ci invita a guardarla da vicino, a sostare con lei in un sogno preraffaellita,
a sbirciare dallo spioncino della porta del bagno,
a condividere con lei la paura e la verità del divenire.

Mary's Bath è una confessione fisica che lascia emergere gesti dal silenzio.

Un Angelo che si abbandona, per la prima volta, a una confidenza, ad un segreto.
Purezza diventa sensualità, il sensuale tramuta in divino, finché ciò che è stato narrato
si confonde e lascia spazio all'essere: di carne e meraviglia.

Mary's Bath è un progetto di ricerca che ha come tema di sviluppo l'Annunciazione.

Mary's Bath non parla però di religione; l'attenzione si concentra piuttosto sulla storia di iconografie, simbologie e testi legati al tema dell'Annunciazione che da sempre accompagnano la nostra cultura: dal medioevo, al rinascimento, ad oggi.

Non c'è giudizio, ma due personaggi che si svelano e definiscono poco a poco, tra slanci lirici e dialoghi di corpi ironici: Mary (gioiosa? fragile? consenziente?), e l'Angelo (orgoglioso? solo? innamorato?).

Mary's Bath è anche una riflessione sulla vita a partire dal suo punto di partenza: il concepimento. La maternità come scelta o accettazione, come desiderio o come ruolo da ricoprire. Da qui un interrogativo sulle aspettative a cui la società ci sottopone, e sul come decidiamo di assecondarle o trasgredirle.

Mary's Bath prende vita per la prima volta all'interno di una chiesa: la “Chiesetta dell'Angelo”, a Bassano del Grappa, per OperaEstate Festival 2014; la condizione particolare porta ad un onesto confronto con il luogo, ben poco convenzionale, ma pieno di storia e suggestioni: l'atmosfera dell'ambiente permea e sorprende l'immaginario con suggerimenti e sensazioni.